+++INDUSTRIA DEI MATRIMONI A RISCHIO, SERVONO MISURE ENTRO MARZO+++

Aggiornato il: feb 22

Abbiamo bisogno delle linee guide subito entro marzo altrimenti salta la stagione dei matrimoni anche quest’anno

Lo ribadisce Camelia Lambru producer di Italian Wedding Awards che un anno fa aveva lanciata la petizione “Manifesto del wedding” , per sensibilizzare il Governo sulla difficoltà di questo settore.

Ci aspettavamo ad un anno record tra i matrimoni spostati dal 2020 e questi del 2021 invece vista l’incertezza , il continuo chiudere delle regoni, cambiamenti del colore e restrizioni annunciante da un giorno all’altro si rischia di mandare in fumo altri 9 miliardi di fatturato.


L’incertezza delle coppie degli sposi, l’immagine che viene trasmessa al estero di un Italia not safe, incerta, che può chiudere da un giorno all’altro costringe anche le coppie straniere che rappresentavano più di 580mil del fatturato ad annullare il matrimonio e spostarlo in un’ altro paese come la Grecia, UAE che offre maggiori garanzia …a tutto questo va aggiunta la perdita nel settore turistico generato dal wedding tourism

I primi mesi di quest’anno i matrimoni sono stati cancellati ma se non si attua subito un piano , anche la seconda parte dell’anno sarà chiusa. Organizzare i matrimoni richiede una programmazione di almeno 6-8 mesi prima dell’evento e se regna l’incertezza e il rischio di veder chiudere le location per restrizioni dell’ultimo minuti magari annunciate 1 giorno prima del matrimonio fa si che le coppie di sposi rinunciano al loro sogno. Per non dimenticare la stanchezza degli sposi che avevano programmato dal 2018 il loro matrimonio per il 2020 e hanno dovuto spostare almeno 4/5 volte la data.


Un protocollo di sicurezza come lo sta portando avanti Assoventi è necessario per dare una sicurezza agli sposi e alle oltre 60.00 aziende rappresentate da 400.000 persone che lavorano in questo settore ( che generano un fatturato di quasi 5 miliardi ogni anno) e che non potrebbero affrontare un altro anno come è stato il 2020.

Imprese, che visto la perdita dell’anno scorso di 90%, non potrebbero sopravvivere un altro anno.


Cerchiamo di resistere con la nostra community di oltre 1000 aziende , a sostenerci, abbiamo creato un gruppo di formazione gratuito, ad essere ottimisti e rassicurare le coppie di sposi…ma la verità che noi per primi stiamo perdendo la fiducia dato gli ultimi avvenimenti.

Il nostro lavoro richiede una programmazione di mesi di lavoro , se continuiamo nell’incertezza le coppie di sposi italiani ma soprattutto straniere cancelleranno il loro matrimonio. Negli USA si possono svolgere matrimoni con 150 persone con facendo il test, a Dubai il limite max consentito sono 200 pers

Siamo consapevoli della pandemia ma chiediamo di ripatire con la nostra attività, nel rispetto delle regole,


Vogliamo continuare a realizzare i vostri sogni ma per questo abbiamo assolutamente bisogno di certezze per poter programmare, di un protocollo per una ripartenza in sicurezza , aiuti economici per le aziende del settore ma anche un incentivo per le gli sposi


Spostare i matrimoni nei prossimi 2/3 anni non è la soluzione, parecchi non verranno svolti per vari motivi della coppia che ha altri progetti, parecchie strutture dovranno chiudere e a ricaduta tanti operatori del settore potrebbero fallire.

La nostra filiera include albergatori, ristoratori, organizzatori di eventi e wedding planner, musicisti, cantanti, stilisti, artigiani, fioristi, catering, location e tante altre figure professionali. Siamo madri, padri, figlie e figli. Partite iva, liberi professionisti, ditte individuali, piccole e medie imprese.

Noi trasformiamo i desideri in realtà.

Fermiamo il tempo, lo scolpiamo nella mente di uomini e donne.

Noi siamo l’industria del Wedding.





1 visualizzazione0 commenti